Livella ad A versus Drone topografico

Confronto speditivo tra due tecniche di rilievo topografico

Introduzione

Di recente RI-GENERA in collaborazione con ADRIA RILIEVI ha eseguito un rilievo topografico utilizzando un drone quadricottero per l’acquisizione dei dati topografici. In una porzione di terreno in leggera pendenza era stata tracciata una curva di livello utilizzando
una livella ad A e la curva era stata marcata sul terreno usando dei pali. Prima del volo con il drone l’erba è stata tagliata da un trattore con la trincia che non ha potuto tagliare l’erba nella porzione di terreno su cui erano presenti i pali. L’erba alta nelle immagini aeree riprese dal drone risulta più evidente di quella tagliata, cosa che permette di fare degli interessanti confronti qualitativi.

La Livella ad A

Questo strumento di facile autocostruzione permette di individuare sul terreno punti che si trovano a quote (altezze rispetto un piano di riferimento) uguali o quantomeno simili. Un’analisi fatta con la livella (A-frame in inglese) permette di individuare le curve di livello per piantumare alberi, per creare accessi/passaggi, per posizionare fosse di infiltrazione, etc..

Rilievo topografico in modalità drone

Il drone è un quadricottero che monta un GPS e una fotocamera puntata verticalmente verso il basso. Nella modalità di raccolta dei dati vola seguendo rotte che permettono di scattare fotografie sovrapposte e georeferenziate. Le foto vengono successivamente analizzate da un software per produrre un piano quotato, ovvero, un modello digitale del terreno.

Confronto dei dati

Foto aerea del terreno scattata dal drone
Fascia di erba non tagliata contornata in giallo
In marrone le curve di livello estrapolate dal software a partire dal modello tridimensionale (DTM – Digital Terrain Model) generato dalle foto acquisite dal drone. Si vede l’andamento parallelo delle curve alla fascia vegetata

Conclusioni

Questa veloce analisi non ha la pretesa di fare un confronto quantitativo tra due tecniche totalmente differenti tra loro, vuole invece fare riflettere il lettore sugli obiettivi del rilievo. Se dobbiamo tracciare delle curve di livello sul terreno con sufficiente precisione altimetrica possiamo usare la livella ad A (A-frame) o la livella ad acqua (Bunyip). Se invece abbiamo bisogno di eseguire studi idrologici, inquadramenti topografici, progettazioni territoriali e riportare i dati in maniera precisa su una mappa allora avremo bisogno di utilizzare strumenti più veloci, precise e tecnologici come il rilievo topografico eseguito a partire dalle foto scattate da un drone quadricottero